normativa sulla videosorveglianza - effizient srl è esperto in materia

Telecamere di videosorveglianza e normativa

L’installazione di un impianto di videosorveglianza all’esterno e all’interno della propria azienda, al fine di proteggere non solo il patrimonio aziendale da furti e danneggiamenti, ma anche i propri collaboratori e i terzi che visitano la nostra struttura, è in costante crescita.

La normativa sulla privacy e lo Statuto dei Lavoratori consentono alle aziende di installare un sistema di videosorveglianza adottando alcuni accorgimenti fondamentali.

Innanzitutto è necessario valutare quali sono le finalità che hanno portato l’azienda alla decisione di installare un impianto di videosorveglianza e, a seguito di tale valutazione, effettuare un bilanciamento d’interessi tra gli interessi dell’azienda e quelli dei dipendenti e dei terzi che possono essere ripresi.

Lo Statuto dei Lavoratori (L. 300/1970) pone il divieto di controllo a distanza dell’attività lavorativa, divieto che va rispettato anche laddove si decida di installare un impianto di videosorveglianza.

Quindi, se l’impianto di videosorveglianza può riprendere i dipendenti durante l’attività lavorativa (anche semplicemente riprendendo il loro ingresso e/o la loro uscita dal posto di lavoro) è necessario stipulare un accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o unitarie (RSA o RSU) o, in caso di loro assenza o di mancato raggiungimento dell’accordo, richiedere l’autorizzazione all’installazione alla Direzione Provinciale del Lavoro.

Durante la fase di installazione del sistema di videosorveglianza è importante esaminare le caratteristiche delle telecamere, del monitor e dell’eventuale registratore, verificando che raggio ed angolo di ripresa, nonché le modalità di conservazione delle immagini ed i tempi di conservazione delle stesse siano conformi alle previsioni dello Statuto dei Lavoratori e del Provvedimento in materia di videosorveglianza dell’8 aprile 2010.

video sorveglianza

I dettagli della normativa sulla videosorveglianza

Un punto fondamentale riguardo la normativa sulla videosorveglianza: i soggetti interessati devono sempre essere informati che stanno per accedere in una zona videosorvegliata.

Devono essere rese disponibili:

  • un’informativa minima, contenente le informazioni fondamentali
    • collocata prima dell’aria videosorvegliata
    • chiaramente visibile in ogni condizione di illuminazione
  • un’informativa estesa, contenente tutte le informazioni relative all’impianto di videosorveglianza, facilmente accessibile agli incaricati.

Secondo la normativa sulla videosorveglianza è necessario inoltre designare per iscritto tutti i soggetti che, a diverso titolo (Incaricati o responsabili del trattamento), potranno accedere alle immagini e ai locali in cui sono posizionati il registratore e l’eventuale monitor.

Allo stesso modo devono essere designate anche la società o le società che effettuano attività di manutenzione sull’impianto e/o che svolgono servizio di vigilanza privata e che pertanto possono accedere alle immagini.

In alcuni casi particolari, ad esempio se si è in presenza di sistemi intelligenti (ovverosia sistemi che non si limitano a riprendere/registrare, ma che possono rilevare in automatico eventi o comportamenti anomali e segnalarli) oppure nel caso in cui sia necessario un allungamento dei tempi di conservazione delle immagini registrate ulteriore rispetto al termine massimo di 7 giorni, è necessario richiedere una verifica preliminare al Garante Privacy, che analizza il caso concreto e fornisce il proprio riscontro sull’adeguatezza dell’impianto o sulla necessità di adottare alcuni accorgimenti aggiuntivi.

Qualora l’impianto di videosorveglianza non rispetti queste regole, previste dal Provvedimento in materia di videosorveglianza dell’8 aprile 2010 del Garante privacy e dall’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori (L. 300/1970), non sarà possibile utilizzare le immagini raccolte in giudizio. Inoltre, in caso di controllo, l’azienda potrebbe essere sanzionata per la violazione della normativa.

Perché è utile la nostra consulenza?

  • Per permetterti di utilizzare in giudizio le immagini registrate;
  • Per non incorrere nelle pesanti sanzioni previste dalla normativa;
  • Per rendere effettivamente fruttuoso ed utile l’impianto di videosorveglianza ed il capitale investito per proteggere la tua struttura;

In cosa consiste la nostra consulenza?

  • Supporto nella fase di progettazione dell’impianto di videosorveglianza, se non ancora installato
    • Individuazione delle finalità dell’impianto;
    • Verifica del posizionamento delle telecamere e delle caratteristiche delle telecamere e del registratore (angolo e raggio di ripresa, modalità di ripresa e registrazione, gestione dei tempi di conservazione delle immagini etc.);
    • Individuazione delle misure di sicurezza necessarie a salvaguardare le immagini e i supporti su cui le stesse sono salvate;
  • Adeguamento dell’impianto di videosorveglianza, se già esistente, con verifica e allineamento della situazione attuale alla normativa vigente;
  • Supporto nella stipula dell’accordo con le rappresentanze sindacali unitarie (RSU) o aziendali (RSA) o in alternativa, in caso di mancato accordo o loro assenza,
  • Supporto nella richiesta di autorizzazione all’installazione dell’impianto di videosorveglianza da presentare alla Direzione Provinciale del Lavoro.
  • Individuazione dei soggetti che potranno accedere alle immagini e loro nomina formale;
  • Individuazione della/delle società di manutenzione dell’impianto e loro nomina formale;
  • Predisposizione della cartellonistica (informative minime ed estese);
  • Eventuale richiesta di verifica preliminare (laddove la videosorveglianza sia effettuata con modalità particolari);
  • Formazione privacy specifica sulla videosorveglianza per gli incaricati;
  • Attività di audit periodico per la verifica della corretta gestione dei modelli adottati e per l’adeguamento del modello organizzativo in caso di modifiche tecniche od organizzative.

Hai qualche dubbio o hai bisogno di un chiarimento? Compila il form e richiedi una consulenza, oppure prova a fare il test di autovalutazione per scoprire se la tua struttura è in linea con la normativa vigente!

Scopri se sei a norma >>